SEI QUI:

osservatorio faunistico

osservatorio faunistico

contatti

 

L'Osservatorio Faunistico Regionale è una struttura tecnica della Regione Puglia deputata all'attuazione dei compiti stabiliti dalla normativa vigente.

Gli studi previsti dalla Legge Regionale n. 27/1998 sono stati affidati al Dipartimento di Scienze Agroalimentari dell'Università di Bari, giusto accordo di collaborazione

 

In sede vengono svolte due tipologie di attività:

·  attività tecnico-operative-scientifiche;

·  attività amministrativa.

 

 

Le attività tecnico-operative-scientifiche sono tutte quelle legate alla presenza del Centro Recupero Fauna Selvatica in difficoltà.

 

L'Osservatorio si occupa dell'accettazione degli animali conferiti dalle autorità preposte e/o privati cittadini; accoglie gli animali, li assiste e ne cura la riabilitazione fino alla reimmissione in natura, ove possibile. Gli esemplari inidonei alla vita allo stato naturale rimangono ricoverati in modo permanente presso la struttura. (nota)

Il rilascio degli esemplari riabilitati in natura nei siti idonei,  previo inanellamento della fauna, rappresenta un evento di grande interesse scientifico e ambientale; l'obiettivo è anche quello di sensibilizzare studenti e cittadinanza all'amore per gli animali e la natura.

Nella realizzazione delle manifestazioni di liberazione, infatti, vengono coinvolte autorità locali, associazioni di volontariato e scolaresche.

L'Osservatorio, inoltre, offre la possibilità di effettuare visite guidate alla struttura, su richiesta da parte di scolaresche e di associazioni di diversamente abili.

Durante tali visite vengono illustrate, anche presso l'aula didattica, tutte le attività della struttura, che rappresenta una realtà unica nella Regione per le attività svolte e per la bellezza del luogo che si presenta come una nicchia protetta di habitat tipico dell'entroterra pugliese.

 

L'attività amministrativa garantisce il funzionamento  della Struttura e si occupa della gestione di due banche dati:

·  accoglimento di fauna in difficoltà;

·  prelievi effettuati dai cacciatori.

 

Nella banca dati relativa all'accoglimento di fauna in difficoltà viene  registrato ogni esemplare accettato; tale banca dati serve a monitorare sia il flusso delle specie, e quindi la consistenza numerica delle stesse sul territorio,  sia  il decorso clinico di ogni animale fino al suo rilascio in natura o al decesso/smaltimento.

La banca dati relativa ai prelievi effettuati dai cacciatori, rilevati dai tesserini venatori, riveste interesse scientifico per le azioni di tutela e gestione della fauna e degli habitat, sia a livello locale che nazionale.

I dati raccolti sono oggetto di monitoraggio sulle singole specie faunistiche in quanto permettono di stimare la presenza delle stesse sul territorio regionale negli anni e sono utili alla formulazione del Calendario Venatorio che la Regione pubblica annualmente a seguito di parere da parte dell'Osservatorio; tali dati vengono trasmessi annualmente al Ministero dell'Ambiente e all'ISPRA.

 

 Nota: 

Per l'assistenza veterinaria, l'Osservatorio ha stipulato apposito Accordo di collaborazione con la Facoltà di Medicina Veterinaria di Bari, che garantisce le cure per gli animali affetti da patologie gravi o per animali in età immatura,  presso i locali della Facoltà sita in Valenzano e provvede tempestivamente al controllo medico in Osservatorio su ogni esemplare appena accolto. Il Dipartimento di Medicina Veterinaria rende possibile l'individuazione di agenti infettivi ed infestivi importanti alla luce delle conoscenze sulla circolazione delle malattie infettive e parassitarie nel nostro territorio. Tali dati, inoltre, giovano alle attività della Facoltà di Veterinaria per approfondire lo studio su alcune malattie infettive e parassitarie.

Presso la sede dell'Osservatorio Faunistico, inoltre, la Facoltà di Veterinaria svolge attività formativa per gli studenti riguardante la cura, la manipolazione e nel complesso la gestione degli animali selvatici, in particolare dell'avifauna e dei piccoli mammiferi protetti.

 

ultimo aggiornamento di questa pagina: 24/08/2017

ultimo aggiornamento: lun, 28 agosto 2017 @ 12:14